News

Tutte le news sulle nostre attività, articoli e rassegne.

Caldo e afa sono in arrivo : acqua, sali minerali, vitamine e antiossidanti devono essere assunti in maniera abbondante tramite l'alimentazione. La frutta e la verdura ci vengono in aiuto. Un'ottima modalità per assumerle, in modo gustoso e goloso, è trasformarle in ottimi frullati, centrifugati o succhi vivi. Vediamo innanzitutto qual è la differenza tra i tre prodotti :

1) FRULLATO : frutta e verdura frullate, con aggiunta di latte, yogurt, ghiaccio. Ottimo contro la stipsi, per drenare, eliminare le tossine, reintegrare dopo l'attività fisica, curare la pelle, favorire il transito intestinale, idratare e prevenire stress e spossatezza. Ricco di fibre.

2) SUCCO VIVO : ottenuto dall'estrazione del succo da frutta e verdura tramite un estrattore (ottimo per non surriscaldare i prodotti e non perdere quindi preziose sostanze), rappresenta un valido aiuto per reintegrare e riequilibrare l'attività digestiva in seguito a dissenteria ( in quanto ricco di enzimi).

3) CENTRIFUGATO : estrazione del succo da frutta e verdura tramite una centrifuga, con elevato surriscaldamento del prodotto ( e perdita di parte di vitamine e sali minerali), ma mantenimento di una alta percentuale di acqua. Ideale per idratarsi, depurare e contrastare la ritenzione idrica.

Consigliamo di non sbucciare mai i prodotti,ma di lavarli in maniera accurata in quanto, proprio nella buccia, è contenuta un'alta percentuale di fibre, vitamine e sali minerali. Rispetto ai succhi acquistati al supermercato, oltre a creare un prodotto secondo i propri gusti, evitiamo zuccheri in eccesso, conservanti, additivi e coloranti. Il consumo eccessivo può essere sconsigliato nei casi di dissenteria cronica, sindrome del colon irritabile, diabete ( soprattutto per la frutta), acidità e reflusso gastrico ( scegliere accuratamente la tipologia di frutta).

Di seguito alcuni suggerimenti gustosi per rendere i vostri spuntini estivi freschi, sani e nutrienti:

a) FRULLATO TINTARELLA : carota + melone + pesca + latte di cocco.

b) FRULLATO DIGESTIVO : mela, zenzero, ananas, yogurt magro.

c) FRULLATO SPEZZA-FAME : sedano, cetriolo, mela verde, latte di soia.

d) FRULLATO ANTI-OSSIDANTE : papaya, mirtilli, fragole, more, yogurt.

e) FRULLATO ANTI-STRESS : avocado, banana, zenzero, succo di limone.

La nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Fino Federica, saprà consigliarvi le alternative più gustose e adatte al proprio stato di salute ed orientate al raggiungimento dei vostri obiettivi ( siano essi di fitness, di salute o di semplice gusto). Per appuntamenti : 0547/630899.

Con l'arrivo della stagione estiva, arrivano anche l'aumento delle temperature e del tasso di umidità. Il nostro corpo possiede un meccanismo fisiologico fondamentale per la dispersione del calore in eccesso: la sudorazione. In tale meccanismo, avviene una normale dilatazione dei vasi sanguigni ( con conseguente abbassamento della pressione arteriosa) e una produzione di sudore ( ricco di acqua, sali minerali, vitamine, potassio e magnesio). Se i liquidi ( e le varie componenti appena menzionate) non vengono adeguatamente reintegrati, si può incorrere in gravi stati di disidratazione. I soggetti più a rischio sono i bambini, gli anziani, chi soffre di diabete o di malattie renali.

Come fare per diminuire e/o prevenire quella fastidiosa sensazione di spossatezza e mancanza di energie tipica del periodo estivo? Ecco alcuni suggerimenti pratici :

1) ASSUMERE LIQUIDI PER MANTENERE L'EQUILIBRIO IDRO-SALINO

3) TANTI CEREALI INTEGRALI UMIDI ( LE TIPICHE INSALATE ESTIVE)

4) VARIARE MOLTO I CIBI, SOPRATTUTTO NEI COLORI

5) CONSUMARE MENO SALE, PER EVITARE LA DISIDRATAZIONE

6) SCEGLIERE ALIMENTI RICCHI DI VITAMINE E SALI MINERALI : cetrioli, finocchi, asparagi, cicoria, pomodori, peperoni di tutti i colori, patate, tarassaco

7) PER IL MOMENTO "DOLCE" evitare prodotti complessi, ricchi di zuccheri e grassi saturi, preferendo alternative più digeribili, come : 2 palline di sorbetto al limone oppure 1 gelato alla frutta oppure 1 pezzetto da 30gr di cioccolato fondente 70%.

E gli integratori? Quando e come assumerli?

La pratica di assumere integratori ad oggi è molto diffusa e, purtroppo spesso, non guidata da precise indicazioni mediche. Crediamo fortemente che un'alimentazione corretta possa fornire già di per sé un ottimo sostegno, ma, nel caso si necessiti di una ulteriore integrazione, è sempre consigliato passare dal proprio medico di famiglia. Da un punto di vista generale, però, quei soggetti per i quali un piccolo ulteriore supporto può risultare necessario, sono in linea di massima :

a) SPORTIVI ( necessitano infatti di un maggior apporto di Vitamina B, per la produzione di energia e di amminoacidi, per il successivo recupero)

b) ANZIANI ( multi-vitaminici ricchi in glucosio e fermenti lattici, atti ad evitare disidratazione, invecchiamento e problemi circolatori)

c) SOGGETTI PATOLOGICI ( vitamine A e C, sali minerali, ferro, per aiutare nella fase di cura e/o di prevenzione)

Sei un ciclista? Nel periodo estivo hai gare, raduni, manifestazioni? Corretta alimentazione + acqua, potassio, magnesio ed eventualmente amminoacidi, per migliorare il recupero, prevenire la disidratazione e dare il meglio nella performance.

Per un consulto nutrizionale in vista dell'estate, Dott.ssa Fino Federica al 0547/630899.

Infiammazione : nota anche come flogosi, fa riferimento ad una serie di modificazioni a livello cellulare verificatesi in un particolare ( o in più) distretti dell'organismo, colpito/i con una intensità tale da non incidere sulla vitalità di tutte le cellule di quel distretto, dando vita ad una reazione a livello locale. Le possibili cause del danno possono essere :

a) AGENTI FISICI ( traumi, interventi, eccessivo calore o freddo...)

b) AGENTI CHIMICI ( composti tossici, acidi,terapie farmacologiche...)

c) AGENTI BIOLOGICI ( batteri, virus...)

L'alimentazione può giocare un ruolo rilevante nella riduzione della sintomatologia infiammatoria, agendo in maniera o preventiva o migliorativa in corso di infiammazione stessa. Gli alimenti da preferire sono quelli con proprietà anti-ossidanti, anti-infiammatorie, anti-radicali liberi e protettive del microbiota intestinale. Ecco alcuni alimenti fortemente consigliati nel trattamento di stati infiammatori :

- PESCE ( grazie al ruolo degli omega-3)

- RISO INTEGRALE ( grazie al ruolo della tricina)

- GRANI ANTICHI ( solo se non si è affetti da celiachia,consumare i grani antichi significa includere una buona quantità di glutine, prebiotico naturale)

-CIPOLLE E MELE ( grazie al ruolo delle quercetine, antiossidanti)

- SEMI DI LINO, MANDORLE,SESAMO, NOCI, SOIA, SEMI DI ZUCCA ( Omega-3)

- SALE ROSA DELL'HIMALAYA ( minor contenuto di sodio)

- LATTE DI CAPRA ( molto più digeribile rispetto al latte vaccino, appesantisce l'intestino in misura minore)

Questi sono solo alcuni esempi e consigli, limitati ad una panoramica di carattere generale. E' necessario però, specialmente nel caso si sia affetti da patologie o particolari problematiche, fissare un colloquio diretto con la nostra Nutrizionista, dottoressa Fino Federica, la quale creerà un piano alimentare corretto e personalizzato, in relazione alla causa dello stato infiammatorio in corso e in relazione alle situazioni e problematiche pregresse concomitanti.

Ciò che assumiamo può agire fortemente in maniera preventiva, attenuante o rigenerativa. Per fissare un appuntamento chiama al 0547/630899.

Cellulite : inestetismo legato a diversi possibili fattori (presi singolarmente oppure coesistenti) quali l'accumulo eccessivo di tessuto adiposo, presenza di tossine, cattiva circolazione, disfunzioni ormonali. Molto comune tra le donne(probabilmente per le maggiori variazioni ormonali che ne accompagnano l'intera vita), molto presente ad oggi anche tra gli uomini.

Arriva l'estate e questo inestetismo può diventare per molte persone un reale problema, tanto da minarne l'autostima. Sapevate però che è possibile agire in maniera davvero efficace su di essa? Come? Lavorando in maniera sinergica su due fronti : alimentazione e allenamento. Un corretto programma alimentare affiancato da una buona routine allenante, infatti, agisce in maniera efficace sulla cellulite. Ma vediamo i due fattori più nel dettaglio.

ALIMENTAZIONE E CELLULITE

Un buon programma alimentare anti cellulite dovrebbe andare a ridurre l'eventuale eccesso di tessuto adiposo, riportandolo entro i range fisiologici e utili per la salute, mirando nello stesso tempo a eliminare le tossine e depurare l'organismo. Ecco di seguito alcuni alimenti adatti al raggiungimento di tali scopi : frutta e verdura ricche di VIT C ( agrumi, ananas, kiwi, broccoli, lattuga, pomodori, peperoni); rimedi fitoterapici che favoriscono il micro circolo ( mirtillo, centella,ippocastano); alimenti diuretici ( finocchio, fragole, melone, anguria,carciofi) ; tisane depurative senza aggiunta di zuccheri ( tè verde, mate, guaranà) ; cibi a basso contenuto di grassi saturi, preferendo olio evo a crudo ; aumentare l'assunzione di acqua ed eliminare bevande zuccherate e alcolici ; le mele, le quali contengono piruvato, ottimo per eliminare i radicali liberi ; aceto di mele, potente detossinante ; pesce azzurro, dalle proprietà antiinfiammatorie.

ALLENAMENTO E CELLULITE

Anche l'allenamento deve mirare a riportare i livelli di massa grassa entro i range fisiologici di salute, favorendo l'aumento della massa magra e migliorando la micro circolazione. Per raggiungere al meglio questi obiettivi, altamente efficaci risultano essere allenamenti a circuito in cui si vadano ad alternare, in maniera ciclica :

a) Esercizi con i pesi, alternando sempre un esercizio per la parte alta, uno per la parte bassa, uno per l'addome (per favorire la circolazione dal basso verso l'alto e viceversa)

b) Esercizi aerobici a moderata intensità ( per evitare l'eccessivo accumulo di acido lattico, che impedirebbe la necessaria ossigenazione dei tessuti) : camminata moderata, bici, scale (no la corsa).

Non affidatevi a diete "da rivista" o fai da te. Non affidatevi a video di allenamenti reperiti sul web. La salute è una cosa seria.

I nostri Allenatori e la nostra Nutrizionista Dott.ssa Fino Federica sono a vostra disposizione per studiare un programma combinato alimentazione-allenamento che vi aiuti a raggiungere il vostro obiettivo in maniera corretta e a lungo termine. per appuntamenti : 0547/630899.

" Sono a dieta, quindi ho eliminato i carboidrati completamente" : frase purtroppo molto comune ( specialmente nel periodo che precede l'estate) e molto, molto sbagliata ( nonché pericolosa per la salute).

I carboidrati, noti da un punto di vista nutrizionale come glucidi, si suddividono in semplici e complessi. Non entrando nel dettaglio tecnico della loro composizione, capiamo invece la loro estrema utilità che rivestono per il nostro organismo, anche in un regime alimentare che ha come obiettivo la perdita di peso. La loro digestione inizia nella bocca, prosegue nello stomaco (in maniera rallentata a causa dell'ambiente acido), per poi proseguire nell'intestino tenue, grazie all'azione dei succhi pancreatici.

Ma qual è il ruolo dei carboidrati nella nostra dieta? Vediamolo insieme :

1) Fonte energetica principale ( soprattutto se si pratica attività fisica)

2) Funzione plastica per le fibre nervose

3) Utilizzati dalle cellule per produrre energia

4) Immagazzinati in fegato e muscoli sotto forma di glicogeno

5) Se le riserve di glicogeno sono sature, vengono trasformati in grasso

6) I globuli rossi e la parte midollare del surrene, li utilizzano come fonte di energia primaria

Il digiuno ( e in particolare l'eliminazione dalla dieta dei carboidrati, se non giustificata da specifiche problematiche mediche) ha effetti estremamente deleteri e pericolosi per la salute : il digiuno, infatti, fa sì che il nostro organismo si carichi di sostanza tossiche (i corpi chetonici) le quali abbassano notevolmente il Ph ematico, con potenziali gravi rischi a livello cardiovascolare, aumentando il rischio di incorrere in tumori e danneggiando l'attività di fegato e reni.

UNA DIETA EQUILIBRATA E STUDIATA PERSONALMENTE E' L'UNICA VIA CHE IL NOSTRO CENTRO SOSTIENE. Possiamo, nel caso non sia possibile consultare un nutrizionista qualificato che possa seguirci, fornire alcune linee guida generali, per aiutare nel percorso di dimagrimento, senza perdere di vista la propria salute.

E' possibile, con accortezza e consapevolezza : aumentare l'attività fisica e il movimento, ridurre un pochino le porzioni, aggiungendo una percentuale maggiore di proteine, consumarli a cena ( favoriscono il sonno), preferire carboidrati integrali, a basso indice glicemico e ad alto contenuto di fibre. Sì a fette biscottate integrali, cereali integrali, pane integrale, cereali integrali come orzo/farro/grano saraceno...

La nostra nutrizionista è a vostra disposizione per costruire un programma corretto, equilibrato, personalizzato. Appuntamento al 0547/630899.